L'importanza del copywriting nella comunicazione online

Perchè non sottovalutare questo ruolo?

copywriting
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Perché non sottovalutare il ruolo del copywriting per la tua comunicazione?

Prima di poter rispondere con precisione a questa domanda, dobbiamo formularne una originale: “Di che cosa parliamo quando parliamo di copywriting?”. Questa parola è associata in senso lato alla stesura di qualsivoglia contenuto scritto presente in internet, quando nacque in realtà con un’accezione più ristretta, nelle redazioni dei giornali. I cosiddetti copywriters infatti erano gli addetti alla stesura delle inserzioni pubblicitarie all’interno delle riviste e/o periodici.
Una professione che nel tempo è evoluta, ha cambiato ufficio, spostandosi dalle scrivanie delle redazioni agli open space delle agenzie pubblicitarie vere e proprie, ed evolvendo il suo raggio d’azione.Ma nonostante i vari traslochi, le sue competenze, allora come oggi, hanno sempre ruotato attorno all’uso della parola. In un continuo gioco di semantica e sintassi. L’obiettivo? Attrarre, incuriosire e sedurre il lettore. Far spiccare, fra le tante, la propria voce (quella del prodotto e del suo brand) e portare il lettore a concludere un’azione.

Quindi no, non siamo tutti copywriter

Copywriting non è questione di vocabolario, prosa ornata e fluente. La padronanza della lingua è un tassello fondamentale dell’essere copywriter, ma da sola non basta. Occuparsi di copywriting significa possedere precise competenze. Quali sono?
  • Conoscere il linguaggio dei vari mezzi di comunicazione
  • Saper regolare il tono di voce in base all’azienda per cui si parla
  • Padronanza del linguaggio SEO (testi ottimizzati per i motori di ricerca – Google)
  • Capacità di scrittura persuasiva
Ora analizziamo queste competenze con ordine, escludendo la prima che diamo per assodata.

Che lingua parli? Il “medichese”?

Questa domanda è da tenere in particolare considerazione quando si parla di copywriting, perché la scelta del canale di comunicazione è inscindibile dalla scelta del linguaggio da adottare. Ogni canale ha le sue regole. Ad aiutarci a capire quale sia il linguaggio più consono da utilizzare sulle varie piattaforme (sito web, Facebook, Instagram), è la piattaforma stessa. Perché, chi sono gli utenti che la frequentano? Cosa fanno e come si comportano? Facebook è popolato da utenti per lo più dai 50 anni in su, mentre Instagram tra i 18 e 34 anni. Su Google possiamo dire che raccoglie la totalità delle persone, senza distinzioni di lingua, sesso, età, estrazione sociale. Ma questo non significa che qui la comunicazione deve omogeneizzarsi a tutti. Va fatta una scelta del target e del tono di voce. Facciamo un esempio: l’articolo da scrivere è per un medico che opera in ambito sportivo e che deve rassicurare i suoi pazienti dell’efficacia di una tecnica chirurgica. Il linguaggio da preferire sarà tecnico sì, ma anche spigliato e con un vocabolario in cui gli sportivi possano riconoscersi.

Come regolare il tono di voce?

Capire come rivolgersi alle persone che vogliamo raggiungere è fondamentale per ottenere il riscontro che desideriamo. Lo è altrettanto farlo esprimendosi in modo appropriato e rispettando l’identità del brand o del medico, ad esempio. Questo serve a creare una corrispondenza tra quello che vive il paziente in prima persona e quello che trova sui canali online, senza fargli sorgere la domanda: “ma è lo stesso dottore?”. Saper moderare il tono di voce aiuterà anche la scelta dei termini da adottare, preferendo un linguaggio rassicurante in certi momenti o più incalzante in altri. Plasmando quindi la comunicazione sia nella forma che nel contenuto.

Un sito senza SEO è come chirurgo senza bisturi

Prima d’intraprendere il discorso sul linguaggio SEO è bene sottolineare una cosa: senza di esso nessuno troverà i tuoi articoli su Google, per quanto ben scritti possano essere. Nello specifico, SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, traducibile in “ottimizzazione per i motori di ricerca“. Quindi parliamo di quella strategia basata sull’utilizzo di “parole chiave” che permettono un articolo di blog (o al sito web nel complesso) di apparire tra i primi posti nelle ricerche google, senza bisogno di sponsorizzarlo con campagne a pagamento. Cioè risultare come un contenuto puro, organico.

Come riconoscere un testo persuasivo?

Abbiamo scelto i canali su cui comunicare e abbiamo moderato il nostro tono di voce, ma siamo riusciti davvero a convincere l’utente delle nostre parole? In nostro soccorso arrivano alcune linee guida che è sempre bene consultare mentre si fa comunicazione. Un occhio alla tastiera e un altro a 4 utili step per la scrittura persuasiva:

  • Racconta fatti reali
  • Utilizza la riprova sociale (testimonianze della qualità del prodotto)
  • Svela tutti i possibili dubbi dell’utente e risolvili
  • Procedi con ordine nelle argomentazioni

A questo la questione è molto semplice: se sei arrivato a leggere fino a qui è probabile che tu sia stato persuaso.