La SEO ai tempi della medicina online

Quali sono le basi SEO per rendere visibile il tuo sito web?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Che sia legata alla medicina o a qualsiasi altro ambito, quando parliamo di SEO, acronimo di Search Engine Optimization (letteralmente ottimizzazione per i motori di ricerca), ci riferiamo all’ottimizzazione, basata su un algoritmo, che i motori di ricerca, come Google, utilizzano per aiutare gli utenti a trovare quello che cercano su internet.

Se, ad esempio,  apriamo Google e digitiamo la parola “dottore”, dopo aver premuto invio vedremo caricarsi la pagina chiamata in tecnico SERP cioè Search Engine Results Page (pagina dei risultati del motore di ricerca): la classica schermata con tutti i titoli in ordine dall’alto al basso. Ecco, in quei pochi secondi di caricamento, l’algoritmo di Google ha selezionato i siti con la SEO più pertinente alla parola da noi cercata.

Quindi quando decidiamo di aprire un blog o un sito internet ricorrere alla SEO è fondamentale per essere trovati. Ma vediamo meglio nel dettaglio con alcuni esempi.

Vogliamo un sito che racconti la nostra professione e vogliamo essere letti!

Abbiamo creato un sito che tratta di neurochirurgia, ricco di approfondimenti, casi studio e FAQ? L’abbiamo creato per essere letti, e soprattutto per essere letti da tutte quelle persone interessate all’argomento e che quindi cercano su internet informazioni riguardo la nostra specialità e quindi le patologie trattate. Ma come facciamo a essere raggiunti?

La prima via è quella della ricerca organica, cioè apparire nella SERP degli utenti tramite la SEO (senza ricorrere agli annunci a pagamento): ottenere quindi traffico di qualità.

Come faccio ad applicare la SEO in medicina?

La SEO si divide in due parti, entrambe fondamentali: la SEO on-page e la SEO off-page. Guardiamole con ordine.

La SEO on-page si fonda sull’utilizzo delle keywords (parole chiave) da intendersi appunto come parole chiave o frasi che riguardano un determinato tema. Nel nostro esempio, neurochirurgia.

Di queste keyword ne esistono di due tipi:

  • le Broad Keywords (generiche)
  • le Long Tail Keywords (coda lunga o specifiche)
 

Per fare degli esempi, alla prima categoria potrebbero appartenere parole come “lombalgia” o “mal di schiena” mentre alla seconda “stenosi del canale” o “spondilolistesi”.

L’utilizzo corretto di tutte queste classi di parole all’interno del sito aumenta il punteggio di pertinenza della pagina. E se il nostro sito, secondo l’algoritmo del motore di ricerca, ha un buon punteggio di pertinenza, sarà mostrato più spesso e nelle prime posizioni della SERP ogni volta che gli utenti cercheranno parole o frasi correlate agli argomenti trattati dal nostro sito.

Ma non solo, ottimizzare una pagina web in chiave SEO significa:

  • Ottimizzazione dei codici HTML
  • Una giusta formattazione del testo, ricorrendo all’utilizzo di titoli H1, H2, grassetti ecc.
  • Ottimizzazione del sito anche per dispositivi mobili come smartphone e tablet
  • Aggiornamento frequente dei contenuti (di qualità!)
  • Utilizzare link interni ed esterni: i primi interni al sito e i secondi verso siti autorevoli
 

La SEO off-page invece si basa su tutte quelle azioni, esterne al sito, che possono farlo crescere di autorevolezza. Come ad esempio:

  • Ottenere menzioni da forum e blog
  • Essere linkato da altri siti
 

Questo ultimo passaggio può essere sfruttato per le campagne di Link Bulding e Link Earning. In cosa consistono queste campagne?

  • Link Bulding: acquisto di link che da altri siti indirizzino il traffico verso il nostro
  • Link Earning: la condivisione spontanea da parte di altri siti dei link del nostri sito
 

Con gli ultimi aggiornamenti Google (da Panda in avanti) ha protetto sempre di più l’acquisto di link da siti poco autorevoli, ma è comunque un’azione da svolgere con discrezione.

In quest’ottica quando si ha intenzione di raggiungere i propri pazienti sul web attraverso un proprio sito internet è fondamentale stabilire una corretta ottimizzazione SEO. Vorresti sapere ricevere qualche consiglio? Contatta i nostri esperti!